Processo a Pascoli. Chi ha ucciso il padre del poeta?

La cucina di Giovanni pascoli al Museo di casa Pascoli

La cucina di Giovanni pascoli al Museo di casa Pascoli

Un omicidio rimasto impuntito, accusa e difesa da una parte e una giuria popolare dall’altra. Tutti gli ingredienti di un processo in piena regola, se non fosse che il caso che si disquisisce risale al 1867. Era il 10 agosto quanto Ruggiero Pascoli padre del poeta Giovanni venne ucciso in circostanze misteriose. Quest’anno, per commemorare l’anniversario, il 10 agosto, nel suggestivo tribunale della Torre di San Mauro Pascoli si cercherà di fare giustizia. Il primo processo moderno a Pietro Cacciaguerra presunto mandante dell’omicidio di Ruggiero Pascoli risale al 2001, allora ci fu un’assoluzione per insufficienza di prove, adesso ricorre l’Appello.

Sul palcoscenico del tribunale saliranno Ferdinando Imposimato (presidente onorario aggiunto della Suprema Corte di Cassazione, giudice numero uno in Italia sino al periodo di “Mani pulite”)  per l’accusa, Antonio Mazzarita (parte civile nei processi per l’assassinio di Pier Paolo Pasolini e Mauro De Mauro) per la difesa, mentre il presidente sarà Bruno Amoroso, presidente del Tar del Veneto. Nel 2001 fu una giuria di esperti a giudicare ma questa volta sarà il momento del giudizio spetterà al pubblico.

Cacciaguerra che dopo la morte di Pascoli lo ha sostituito alla guida di Villa Torlonia a San Mauro Pascoli avrebbe richiesto l’aiuto dei presunti esecutori Michele Della Rocca e Luigi Pagliarani, anche loro sul banco degli imputati. Sull’omicidio di Ruggero i tribunali del tempo non hanno mai portato in aula alcun imputato.

Giovanni, il poeta, se ne occupò in prima persona. Dichiarò in diverse occasioni che la polizia non volle trovare il colpevole, che era complice. Fiutò piste e cercò indizi e rischiò pure di finire in prigione per la sua ostinazione.

Il processo è ad ingresso gratuito.

Prima di iniziare il processo presenteremo la proiezione del film di Guido Guerrasio La cavallina storna, girato nel 1952.

Non rimane che attendere con impazienza la sentenza.

 

Lascia un commento

comments

Angela De Rubeis

Giornalista, laureata in comunicazione e giornalismo. Si occupa di viaggi e culture altre, consigli più o meno utili e indicazioni "popolane". Redattrice per Info Alberghi srl.

No comments

Add yours