Fiera del miele di Montebello

La Fiera del miele di Montebello 2013. Quando il dolce fa… Fiera

Piccola, dolce, buona e imperdibile. La Fiera del miele di Montebello da ormai 25 anni addolcisce l’ultimo fine settimana di agosto (sabato 31 e domenica 1 settembre) e presenta, a golosi e appassionati, le nuove produzioni di miele dell’anno in corso. Piccola, dicevamo. La fiera si snoda all’interno delle mura del centro storico tra le poche vie del paese che serpeggiano e si arrotolano fino a ritornare nella piazza principale. Tanti gli stand dei produttori locali che vendono tante varietà di miele, pappa reale e tanti altri prodotti – cioccolato al miele, frutta secca, etc. Passeggiando davanti alle bancarelle sarà possibile assaggiare e farsi un’idea dei tanti diversi sapori che differenziano questa golosa leccornia conosciuta e apprezzata sin dall’antichità.

Insomma, la festa sarà l’occasione ideale per conoscere le più curiose varietà di miele prodotte sul territorio, venire a contatto con i produttori, e fare una buona scorta per l’inverno. I due giorni sono accompagnati da una serie di appuntamenti, mostre, laboratori e spettacoli. Tra i momenti più attesi sicuramente quello della smelatura con l’estrazione del miele in diretta, assaggi e curiosità con gli esperti.


Sabato 31 il progamma
alle 18.30 la camminata che parte dall’Osservatorio Naturalistico Valmarecchia lungo le bellissime vie del borgo dove saranno già allestite le bancarelle. La serata si aprirà con  lo spettacolo “Honey rock festival”, rassegna di gruppi con musica e balli anni ’60 e ’70.

Domenica 1 settembre, si parte di mattina con la camminata (o meglio passeggiata guidata) nell’Oasi di Montebello (10.30). In centro, intanto ci sarà spazio alla mostra di tessitura artigianale e al mercatino. Nel pomeriggio largo alle animazioni e ai giochi per i più piccoli. sempre a loro sarà dedicato un laboratorio a tema ambientale e le proiezioni di video che faranno vedere le api e la loro arte di fare le candele. Alle 17.00 la lettura animata e alle 16.00 degustazione di torrone e sempre alle 17.00 l’incontro con Graziano Pozzetto e le “Cucine di Romagna”. Seguiranno altre attività compreso il laboratorio del gusto, e i percorsi sensoriali tra i diversi tipi di miele e gli accostamenti con formaggi e vini.

Fiera del miele a Montebello - il miele in cucina

Sempre più spesso il miele è accostato ai formaggi. Gli antichi romani lo consumavano con la carne

Ma il protagonista è sempre lui: il miele. Tra le varietà da provare tiglio e coriandolo, dal gusto un po’ pungente e particolare, e quello di acacia, dolce e adatto ad ogni piatto da zuccherare.
La produzione italiana di miele si attesta attorno all’1% di quella mondiale, ma quello che la contraddistingue è la qualità. Il miele italiano è uno dei più buoni. Il merito di questo primato si deve soprattutto alla cura e all’attenzione che i piccoli produttori mettono nel loro lavoro. Il mercato italiano, infatti, è fatto non tanto di grandi aziende, tranne qualche raro esempio, ma di piccoli produttori sparsi sul territorio. Questa forza qualitativa è anche una debolezza del sistema.

Il miele e i popli antichi…

La storia del miele è antichissima. Il suo primo uso è quello della dolcificazione dei piatti, solo in un secondo momento venne utilizzato e pensato come un alimento a sè. Forse i primi a considerarlo con tutte le sue potenzialità sono stati gli Egiziani, già nel terzo millennio avanti Cristo si erano viste arnie fatte con rami intrecciati e fango. Lontani dall’usuale utilizzo i Celti che lo impiegavano nei riti di sepoltura mentre gli Etruschi lo consideravano un “dono” per le divinità.  Per i Greci era alimento portatore di forza e giovinezza tant’è che ne facevano mangiare ai loro atleti prima dei giochi olimpici. Per i romani aveva qualità terapeutiche e cosmetiche. Anche nelle loro tavole abbondava, non esisteva un piatto senza il miele che veniva usato anche per condire le carni più forti di sapore.

Per informazioni sulla Fiera del miele di Montebello 2013 –  0541 675220

Lascia un commento

comments

Angela De Rubeis

Giornalista, laureata in comunicazione e giornalismo. Si occupa di viaggi e culture altre, consigli più o meno utili e indicazioni "popolane". Redattrice per Info Alberghi srl.

No comments

Add yours