Piove in Romagna

5 cose da fare in Riviera Romagnola quando piove!

La Riviera è bella anche se piove! Tolto il sole non si rischia certo di annoiarsi.
Molte le attività che si possono intraprendere ma ne abbiamo scelto per voi 5. Sì, le 5 cose da fare in Riviera quando piove! Dall’Acquario di Cattolica fino alle rovine della casa romana più famosa d’Italia: la Domus del chirurgo; e ancora i castelli del mistero dell’entroterra, a Montebello e San Leo, che nascondono i segreti del fantasma della piccola Azzurrina e della prigionia di Cagliostro. E ancora le bellezze della natura della Casa delle Farfalle di Milano Marittima; per chiudere con lo shopping più sfrenato a Le Befane, con i suoi negozi e le 12 sale cinematografiche.

Cominciamo il nostro viaggio senza l’ombrello: non serve!

Visitare l’Acquario di Cattolica

cattolica visita acquario

Acquario di Cattolica

È l’Acquario più grande dell’Adriatico e si trova a Cattolica.  Si inserisce in una struttura architettonica che ricorda la flotta di una nave. Numerosi i percorsi e le vasche presenti nella struttura, oltre cento “abitate” da squali, pinguini, tartarughe piranha, meduse colorate e tanti altri animali, oltre 3500 esemplari di 400 specie differenti.

Le vasche presenti spaziano dalle piccolissime che mostrano, ricostruendoli, gli habitat degli organismi marini con tutte le loro peculiarità sino alle più grandi che ospitano gli squali con i quali è possibile, anche, nuotare. Diversi i percorsi tematici come il percorso blu che “tratta” della storia del mare e la sua evoluzione. Gli oceani Atlantico, Indiano, Pacifico e i mari Rosso e Mediterraneo vengono riproposti in piccolo senza perdere caratteristiche e particolarità. Molte le iniziative e gli spettacoli che vengono realizzati nel corso dell’estate.

L’asilo delle tartarughe, poi, completa il quadro. È una struttura di accoglienza per tartarughe che hanno bisogno d’aiuto.  Sono previsti ingressi a prezzi ridotti o gratuiti.

Per informazioni acquariodicattolica.it

Andare ai Castelli di Azzurrina e Cagliostro – Montebello e San Leo

L’entroterra riminese è ricco di storia e di cultura. Le rocche e i castelli disseminati per la Valconca e la Valmarecchia sono tutti suggestivi e storicamente e architettonicamente interessanti, ma due di loro sono particolarmente curiosi perché oltre all’interesse architettonico nascondono dei segreti e dei misteri che hanno, nel tempo, appassionato e conquistato tutti i visitatori. Si tratta del Castello di Montebello abitato, leggenda vuole, dal fantasma di una bambina: Azzurrina; e il Castello di San Leo che accolse l’alchimista Cagliostro durante la prigionia e fino alla fine dei suoi giorni.

castello azzurrina

Castello di Azzurrina

Il castello di Azzurrina è avvolto dal mistero dal 21 giugno del 1375. In questa data, infatti, si fa risalire la morte della piccola Azzurrina, una bambina (la figlia dei padroni di casa, i Malatesta) che per recuperare una palla cadde nel pozzo del suo castello. Albina, Guendalina Malatesta, veniva nascosta dai genitori perché in quel periodo l’albinismo veniva tacciato di stregoneria. Il suo soprannome arriva proprio dai suoi capelli azzurri, resi tali dai tentativi della madre di scurire il loro colore originale: il bianco. Si dice che da quando scomparve, ogni anno nella notte del solstizio d’estate, si aggiri tra le stanze del castello di Montebello. Poco tempo fa è anche stato girato un film sulla sua storia e sul set sono capitati strani incidenti agli attori e al regista. Sarà un caso!
Il castello si può visitare anche di notte
.

Per informazioni castellodimontebello.com

castello cagliostro

Rocca di San Leo

A San Leo, invece, visse la sua prigionia, Cagliostro, l’alchimista scomunicato dalla chiesa. Nato a Palermo nel 1743 si fece ben presto la fama di “cattivo” soprattutto per la chiesa che non guardava di buon occhio il suo esoterismo. Girò l’Europa, da una corte all’altra, fino ad approdare a San Leo dove morì. Denunciato, addirittura, dalla moglie, morì il 26 agosto del 1795. Della sua “magica” presenza, a San Leo, si assaporano ancora le sensazioni.

Per informazioni comune.san-leo.rn.it

Scopire la Domus del chirurgo a Rimini

domus del chirurgo rimini

Domus del chirurgo

In pieno centro a Rimini è una casa romana di 700 metri quadri emersa dal sottosuolo riminese, con mosaici intatti e mura d’argilla, che ancora mostrano tutta la loro maestosità. Una casa particolare, però, che si fa risalire al II secolo d.C. e appartenuta ad un medico, un certo Eutyches, del quale sono stati trovati gli strumenti del mestiere, anch’essi conservati a Rimini nel vicino Museo della Città.
Al coperto, la Domus del chirurgo è molto suggestiva in quanto incorniciata da mura di vetro che permettono di godere della bellezza della struttura già dalla strada. 150 i ferri chirurgici in mostra, mentre nella casa sono ancora ben visibili le camere: lo studio medico, il letamaio, la cucina e la dispensa e ancora  una camera da letto e una sala per il pranzo.

Per informazioni domusrimini.com

 

Volare al Museo delle farfalle a Milano Marittima

museo farfalle cervia

Casa delle farfalle

Una serra variopinta e odorosa… in movimento. I battiti delle ali rendono vivi gli spazi de La Casa delle Farfalle di Milano Marittima. Tante farfalle tropicali dai mille colori si “mostrano” dentro una serra climatizzata grande oltre 500 metri quadrati. Africa, Sud America, Australia e Asia le località di provenienza di questi piccoli capolavori della natura svolazzanti… Ma questa casa non accoglie solo loro, le farfalle, ma anche creature più cattive come la mantide religiosa e buffi quali i camaleonti. Fiori e piante, anche carnivore, fanno da habitat naturale  a scarabei giganti e insetti.

Agli insetti, in particolare, è dedicata la vicina Casa degli Insetti per coccinelle e formiche, scarabei e api. Percorsi botanici, negozi caratteristici, laboratori artistici e ludici dedicati ai bambini e bellissimi giardini arricchiscono l’offerta.

Per informazioni atlantide.net/casadellefarfalle

 

Fare un po’ di shopping al Le Befane a Rimini

befane shopping center

Shopping alle Befane

Si tratta di un grande centro commerciale  – Le Befane a Rimini. Facilmente raggiungibile in autobus grazie ad un efficiente servizio di trasporto pubblico e, per chi ama pedalare, attraverso una comoda pista ciclabile che collega il centro cittadino alle Befane. Decine e decine di negozi si accompagnano a sale giochi, numerosi ristoranti, bar e punti ristoro e ad una multisala cinematografica con 12 sale con un’offerta ricca e variegata.

Per informazioni lebefane.it

Lascia un commento

comments

Angela De Rubeis

Giornalista, laureata in comunicazione e giornalismo. Si occupa di viaggi e culture altre, consigli più o meno utili e indicazioni "popolane". Redattrice per Info Alberghi srl.

3 comments

Add yours
  1. Stefano l 23 luglio, 2012 at 09:19 Rispondi

    L’acquario Di Cattolica e’ stata una grandissima delusione. Pieno di scale senza ascensori e rampe e quindi impossibile portarsi le carrozzine con i bimbi ( chi va a vedere l’acquario se non i bimbi ?)
    Non climatizzato , caldissimo e si nota che e’ mal tenuto.

  2. Francesco 28 luglio, 2013 at 09:51 Rispondi

    Grazie per il commento, stavo per andarci con 2 bimbi, uno mezzo malato per supplire all’impossibilità di andare al mare …
    Ciao
    Francesco

Post a new comment