Rimini - Sapienza contro violenza.

Sapienza contro violenza… Rimini dedica alle donne una rassegna di libri

Rimini - Sapienza contro violenza.

Sapienza contro violenza, a Rimini un ciclo di incontri con l'autore alla Biblioteca Gambalunga

Mai come negli ultimi anni si è discusso di violenza alle donne e di attività volte a contrastare il fenomeno, soprattutto dentro le mura domestiche. Anche Rimini si è attivata con un ciclo di eventi e di incontri per discutere di questa tematica e per sensibilizzare tutti sui casi di femminicidio e di violenza contro le donne. Il 25 novembre si celebrerà la Giornata internazionale contro la violenza alle donne. Ma c’è un altro modo per combattere la violenza: la sapienza. Ecco che il Coordinamento Donne Rimini onlus (in collaborazione con altri enti) si è inventato questo ciclo d’incontri Sapienza contro violenza, in programma dall’8 novembre al 6 dicembre, nelle sale Antiche della Biblioteca Gambalunga (via Gambalunga, 27, Rimini).Il cartellone di Sapienza contro violenza consiste in incontri pubblici nei quali illustri personaggi (doverosamente femminili) saliranno in cattedra per discutere tematiche di genere. Si parte l’8 novembre (17.30) con Maria Giuseppina Muzzarelli. A lei l’arduo compito di discutere di alcuni punti di vista storici. Base del’intervento sarà il suo libro Nelle mani delle donne. Nutrire, guarire, avvelenare dal Medioevo a oggi, edito da Laterza quest’anno, che affronta il delicato rapporto tra la donna e la cura della somministrazione del cibo. Dall’allattamento sino all’avvelenamento, il cibo è uno strumento cardine nella vita della donna, elemento che negli ultimi anni ha anche contribuito a modellare il suo immaginario fisico, basti pensare alla privazione del cibo, ai diversi modelli di bellezza legati all’eccessiva magrezza, etc… un rapporto contraddittorio e dalle diverse facce che la professoressa Muzzarelli affronterà attraverso un viaggio nei modelli riproposti dal Medioevo ad oggi.

Il 15 novembre sarà il momento di un altro libro, Prospettive femministe. Morale, bioetica e vita quotidiana, libro edito nel 2012 da Espress Edizioni, scritto da Caterina Botti. Anche in questo caso l’incontro con l’autrice è previsto per le 17.30 alla Biblioteca Gambalunga. Dalla discriminazione delle donne, al concetto di uguaglianza passando per la complessità del pensiero femminista. Un libro molto interessante che passa anche dalla legge 194 alla “moralità” dell’aborto.

Altri appuntamenti si susseguiranno il 22 e il 29 novembre, per chiudere il 6 dicembre. Ad essere attese Laura Balbo, Giuliana Chiaretti e Anna Fabbrini con Imparare, sbagliare, vivere. Storie di lifelong learning (Franco Angeli 2013); Letizia Mencarini con Valorizzare le donne conviene. Ruoli di genere nell’economia italiana (Il Mulino 2012) e Marisa Ombra con Libere sempre. Una ragazza della Resistenza a una ragazza di oggi (Einaudi 2012).

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero

Per informazioni e aggiornamenti sul programma

Ulteriori informazioni
Casa delle Donne – 0541.704545
Biblioteca civica Gambalunga –  0541.704486

Lascia un commento

comments

Angela De Rubeis

Giornalista, laureata in comunicazione e giornalismo. Si occupa di viaggi e culture altre, consigli più o meno utili e indicazioni "popolane". Redattrice per Info Alberghi srl.

No comments

Add yours