carrozzine e lettini rialzati in spiaggia

Rimini diversamente abile: una spiaggia davvero per tutti

Mete predilette per vacanze divertenti, low-cost, spensierate, con amici e parenti, Rimini e tutta la Romagna da sempre offrono un’offerta capace di attirare una gran varietà di persone. Si va dagli amanti del liscio ai patiti delle discoteche, dai cultori dell’abbronzatura stile ramarro sulla spiaggia sino ai fanatici della vacanza alternativa. E si potrebbe continuare per molte e molte righe.

Un altro aspetto su cui Rimini sta facendo passi da gigante nell’ospitalità è quello dei servizi speciali per persone diversamente abili. Aumentano gli stabilimenti capaci di accogliere persone in carrozzella o affette da autismo, non solo per la presenza di strumenti e aiuti tecnologici, ma anche grazie a personale preparato e formato ad hoc.

La spiaggia, insomma, deve davvero essere accessibile a tutti, un luogo che faccia dell’inclusione la sua forza traino. Tra le spiagge che si sono impegnate in questa direzione segnaliamo il Bagno 27 di Marina Centro, uno stabilimento balneare che Walter e Stefano Mazzotti (padre e figlio) gestiscono dal 1995. Stefano è inoltre presidente del Consorzio Spiaggia Rimini Network, il primo consorzio dei bagni e ristobar della Riviera che riunisce ad oggi oltre 200 strutture.

Alcuni anni fa, la Provincia di Rimini promosse un progetto, “Spiaggia libera Tutti”, proprio per incentivare l’ampliamento di servizi per le persone disabili. Il Bagno 27 entrò a far parte di questo gruppo, anzi, fu l’unico della zona di Rimini Sud.

Così cominciò l’impegno di Walter e Stefano a dotarsi non solo dei tradizionali e necessari servizi per le persone diversamente abili (scivoli all’ingresso, servizi igienici dedicati) ma anche di una serie di altri strumenti che potessero rendere la spiaggia davvero alla portata di tutti. Il bagno 27 è uno dei pochi della riviera che possiede due carrozzine speciali che permettono alle persone che non camminano sia di entrare in acqua che di muoversi sul bagnasciuga. Ci sono poi dei lettini rialzati realizzati che permettono alle persone in carrozzina di spostarsi dal lettino dalla carrozzina, sempre con l’aiuto di una persona.

All’ingresso del bagno, infine, si trovano delle pedane tattili che le persone non vedenti possono utilizzare per orientarsi in autonomia.

Ma per quanto la tecnologia aiuti, chi ha problemi di movimento ha sempre bisogno di un aiuto, per questo, secondo Stefano Mazzotti, uno degli aspetti più importanti è la formazione del personale.

“Per quanto mi riguarda l’aspetto fondamentale è la formazione degli operatori – ha dichiarato Stefano in un’intervista – non solo i titolari degli stabilimenti, ma tutti coloro che collaborano e lavorano in spiaggia. L’anno scorso 60 bagnini del Consorzio Spiaggia Network hanno partecipato alle attività di formazione che abbiamo proposto su queste tematiche.

“Ci tengo a sottolineare un altro aspetto ancora più importante: accogliere persone con disabilità nelle nostre spiagge non è solo un servizio che offriamo loro e alle loro famiglie ma un arricchimento grandissimo per tutti, un’occasione di crescita e reciprocità”.

Sul sito Spiaggiarimini.net sono segnalati altri bagnini che offrono servizi speciali, mentre a Viserba, nella zona nord di Rimini, il Bagno 38, Egisto, ha sempre avuto un occhio sempre molto attento nei riguardi del pubblico disabile. Anche qui sono presenti 2 carrozzine da mare e spiaggia, doccia calda con cabina spogliatoio e toilette con accessori per diversamente abili, una lunga passerella che in prossimità del mare si allarga e diventa 2 metri, camminamenti laterali per un avvicinamento più facile all’ombrellone e lettini opportunamente rialzati.

Un altro progetto che da due anni rende le spiagge di Rimini davvero per tutti è Autismo Friendly Beach, un’idea nata dall’associazione Rimini Autismo per permettere ai ragazzi autistici e alle loro famiglie di poter vivere una bella vacanza. In questo caso il fulcro dell’iniziativa sta proprio nella formazione del personale, grazie alla quale l’associazione stessa fornirà ai bagnini, ai gestori di alberghi e, con la collaborazione del comune, ai vigili urbani, gli strumenti necessari per accogliere al meglio chi soffre di questo disturbo ed essere così vicina alle esigenze delle famiglie di ragazzi autistici.

Con una piccola informazione – racconta Enrico Maria Fantaguzzi, presidente di Rimini Autismo onlus – è possibile preparare una larga fetta di popolazione a non spaventarsi di fronte a comportamenti che nella migliore delle ipotesi vengono presi per strani. L’autismo, infatti, è conosciuta anche come la disabilità invisibile perché non si riconosce immediatamente e quindi chi ne soffre spesso viene considerato maleducato, uno che crea problemi a se stesso e alla propria famiglia”.

In pratica si cerca di dare agli operatori turistici e a tutto il personale alcune informazioni per poter agire e interagire al meglio. Ad esempio, una delle cose che viene spiegata è che i ragazzi autistici fanno molta fatica a fare le file, e spesso le famiglie di questi ragazzi sono costrette ogni volta a raccontare per filo e per segno cosa sta accadendo.

Invece, le spiagge e gli hotel che aderiscono ad Autismo Friendly Beach, così come vigili urbani e autisti di autobus avranno sempre a vista spille e distintivi e scritte che richiamano il progetto, così chi è in compagnia di una persona che soffre di autismo può andare a colpo sicuro, sapendo che l’interlocutore conosce già aspetti e comportamenti.

Il numero di bagnini e alberghi che ha preso parte al progetto in soli due anni è via via più alto. Ed è sufficiente contattare l’associazione per avere informazioni su hotel, spiagge e molto altro.

Infine, il nostro portale ha una sezione dedicata ai diversamente abili dove è possibile ricercareu tutte le strutture alberghiere che offrono spazi e servizi per organizzare una vacanza accessibile.

Lascia un commento

comments

Stefano Rossini

Giornalista freelance, si occupa di viaggi, itinerari, cultura (senza dimenticare l'aspetto enogastronomico), sociale e nuove tecnologie. Collabora con riviste italiane e internazionali, guide viaggi e portali web.

1 comment

Add yours

Post a new comment