5 buoni propositi di viaggio per il 2014

5 buoni propositi di viaggio per il 2014… ovvero 5 cattive abitudini da lasciare a casa!

Ho cominciato l’anno pensando a quello che mi piacerebbe fare nei miei prossimi viaggi. “Devo segnarmi da qualche parte 5 buoni propositi per il mio viaggio 2014” mi sono detta, ma poi ho pensato di partire da un punto di vista diverso e pensare a quali sono gli errori più comuni (miei e non solo…), quelli da evitare come la peste nei miei viaggi futuri.
Ecco allora 5 errori che mi propongo di non fare più in viaggio per il 2014.

Evviva il cibo locale

Mi è successo una settimana fa di incontrare una mia amica: “Ciao Irene, andato bene il viaggio in Thailandia?”. E lei: “Si, si. Anche la cucina, buonissima! Ho mangiato la piadina tutte le sere”. E io a momenti mi ribalto dallo sgabello del bar! Ma devi andare fino in Thailandia per mangiare la piadina tutte le sere? Allora potevi anche rimanere a Rimini!

buoni propositi cucina tipica

Mangiare cibo locale, che senso ha chiedere spaghetti in Francia?

Buon proposito numero 1: assaggiare tutto quello che mi offre la cultura culinaria della mia meta.
Il cibo è cultura. Il viaggio è cultura. Poi, è vero come disse Otto von Bismarck ““Meno le persone sanno di come vengono fatte le salsicce e le leggi e meglio dormono la notte”. Si può anche mangiare con un po’ di incoscienza senza sapere bene cosa si trova nel piatto…

Economia degli scatti

Parlando di cibo non si può non parlare della mania del momento: fotografare qualsiasi portata…anzi, fotografare qualsiasi cosa!
Non voglio più passare ore e ore a guardare centinaia di foto di mare, pietanze, tramonti e selfie su selfie.
Quindi buon proposito numero 2: scattare poche foto, oppure scattare quelle che voglio, a centinaia e a fine serata, in hotel, oppure nel viaggio di ritorno fare una cernita e buttare via gli innumerevoli doppioni. Se necessario, ripristinare la pellicola! A tutti coloro che in questo momento mi stanno odiando perché amano immortalare ogni sasso e ogni volo di libellula consiglio di passare alla macchina fotografica con rullino. Almeno una volta, non per forza nel viaggio della vostra vita, ma anche solo in un pomeriggio d’inverno della vostra città: sapere di avere pochi scatti vi aguzzerà l’occhio e salverà tanti incolpevoli amici. Io farò lo stesso.

Buoni propositi foto di viaggio

Meno foto ma più ricercate. Evitiamo gli scatti tutti uguali o inutili

Low cost, veramente

Mea culpa, entro sul personale. Quando sono nell’intimo della mia casa, seduta alla mia scrivania, a cercare il biglietto aereo più economico della storia dell’universo impiego mille energie e mi faccio mille paranoie su costi e prezzi. Per un risparmio di 20 euro sono riuscita anche a scegliere un aereo alle 5 del mattino rispetto ad un comodo 10.00…e poi? Poi mi ritrovo a Londra, a Portobello Road, china su chilometri di bancarelle a scovare di tutto, e i sacrifici per quei 20 euro risparmiati, pfiu! Volati nel nulla. Mi rendo conto che devo fare i conti con un problema di acquisto compulsivo di inutilità ma il buon proposito numero 3 è: essere low cost fino in fondo, oppure non esserlo per nulla.Mi sento ridicola, quando tornata a casa – con le borse sotto gli occhi e la stanchezza cronica per aver fatto 5 scali di risparmio – ribalto sul letto la mia borsa, e basta. Non dico altro, mi avete capito!

 

Il fascino della scoperta

Non cadrò nella tentazione di dirvi di alleggerire la valigia: è stato detto e stra detto ed io sono bravissima, porto solo il necessario, anzi anche meno perché poi (vedi punto precedente) mi perdo in mercatini, varie ed eventuali.
Però voglio spendere due parole su un altro aspetto della preparazione al viaggio: il viaggio web. Non voglio più, nei miei viaggi targati 2014, cominciare a guardare foto e foto, tour e tour, leggere i travel blogger per sapere cosa dicono, cosa pensano, cosa mangiano. Mi è sempre capitato per i film: “Vai a vedere quel film, è bellissimo”. Io mi carico di aspettative, e poi quel film mi fa puntualmente schifo. Ho incrinato i miei ultimi viaggi in questo modo, presa dalla frenesia del vedere quello che avevo già visto nel web… e poi lo avevo già visto!
Per questo siamo al proposito numero 4… Serendipity! Serendipity! Serendipity! Correte il rischio di scoprire le cose per caso.
 

Posso chiudere in bellezza? Buon proposito numero 5: viaggiare, viaggiare, viaggiare

Lascia un commento

comments

Angela De Rubeis

Giornalista, laureata in comunicazione e giornalismo. Si occupa di viaggi e culture altre, consigli più o meno utili e indicazioni "popolane". Redattrice per Info Alberghi srl.

No comments

Add yours